%expand% Nunzio Cocivera, le commedie: la befana del millennio

logo.gif (1847 byte)

La Befana del millennio

di Nunzio Cocivera
nunziococivera@tiscalinet.it

Personaggi: 1)   Voce fuori campo
                  2)   Epifania (Befana)
                  3)   Dea Strenia

Scena: Un prato (o tappeto verde) con un grande sfondo bianco, ci sono le stelle e la luna. Si può anche rappresentare come comm. Musicale aggiungendo le musiche.

(Entra la befana) (Entra in scena e alza gli occhi e il capo verso il cielo, brutta con scopa e sacco vuoto) (dopo aver ballato se rappresentata come comm.musicale) 

Befana  Si avvicinano le dodici notti magiche nelle quali le mie sorelle celesti ritornano a volare sui tetti, sulle case e sui campi, rinnovando la fertilità e la fecondità della terra; mi riunirò a loro e volerò via. A meno che…. (passeggia nervosa).
Mi senti….?
sono stufa di questa scopa (la butta via)! Comincia un nuovo millennio, rivoglio la mia bellezza, i miei abiti celesti. Rispondi, parlami….
non porterò più il sacco con i doni (butta via il sacco) finché resterò così brutta e cenciosa (si toglie quasi tutti i vestiti e resta con una calzamaglia o fuseaux aderenti che mostrano un bel corpo).
Sono 2000 anni che non mi specchio, ma lo so che sono orribile, ora basta! Basta! Basta!

Voce  Basta lo dico io, cosa vuoi Epifania?

Befana  Rivoglio la mia beltà, o non sarò la befana del nuovo millennio, mi rifiuto. 

Voce  Ma non puoi! 

Befana  Posso eccome! E rivoglio il mio cocchio celeste invece della scopa. 

Voce Non è possibile! 

Befana A te tutto è possibile! 

Voce È vero, ma…. 

Befana Niente ma, il corpo è sempre il mio ma nascosto da cenci, rivoglio il mio bel viso. 

Voce Non puoi riaverlo, potresti ricadere nel peccato e riinnamorarti o fare innamorare un altro uomo. 

Befana Sono 2000 anni che pago la mia colpa d’amore! 

Voce In ogni famiglia dove andresti ci sarebbe un bambino, ma anche un padre. 

Befana Non peccherò più prometto! 

Voce Non saresti tu a peccare ma loro! 

Befana Loro? 

Voce Si loro, i padri vedendoti bella potrebbero innamorarsi di te! Come successe allora. 

Befana Non li asseconderei. 

Voce Ci credo… ma loro peccherebbero lo stesso. 

Befana Come? 

Voce Desiderandoti…. è inevitabile devi restare brutta. 

Befana Non voglio! 

Voce Devi! 

Befana Mi nasconderei bene per non farmi vedere dai padri. 

Voce Non si può rischiare. 

Befana Cedo il posto alla dea Strenia. 

Voce Non è possibile lei è pagana, tu invece rappresenti i cristiani. 

Befana Sono stufa, stufa…. Strenia mi senti? (silenzio, pausa) lo so che puoi sentirmi. (pausa) Strenia!! La vuoi chiamare? (silenzio) Strenia…. (urla) Strenia! (musica con ballo della dea se si sceglie di farne un comm.musicale) 

Strenia (appare una donna bellissima con abito bianco celeste) Cosa gridi! 

Befana A sei qui, intercedi per me, rivoglio il mio viso. 

Strenia Non puoi…. 

Befana Perché 

Strenia Ti cedetti il mio posto a patto che tu fossi brutta. 

Befana Porto questo fardello da troppi secoli, sono stufa. 

Strenia Hai voluto la bici pedala. 

Befana Pedalo?! Caso mai ramazzo, svolazzo. 

Strenia Lo fai così bene. 

Befana Macché bene, mi fanno male le anche…. sempre a cavalcioni sulla scopa. 

Strenia Comprati una scopa elettrica. 

Befana Spiritosa…. e poi il sacco pesa. 

Strenia Mi immagino i bambini vogliono sempre di più. 

Befana Regali ingombranti, pesanti, mi sta venendo la scoliosi. 

Strenia Cos’è? 

Befana Una infiammazione della colonna vertebrale. 

Strenia L’hai detto a Lui? 

Befana Certamente! 

Strenia Cosa ha detto? 

Befana Di no per via di quella storia con l’uomo sposato. 

Strenia Ma ora c’è il divorzio. 

Befana Vero non ci ho pensato…. mi senti? Parlo con te (silenzio) 

Voce Ti ho sentita bestemmiare 

Befana Non l’ho fatto giuro! 

Strenia Confermo! 

Voce Taci! Tacete entrambe, non pronunziate più quella parola 

Befana Io dico, ora basta! 

Voce Osi ribellarti! 

Befana Ancora oggi in molti paesi, sono rappresentata vecchia e brutta e di conseguenza bruciata con grandi falò. 

Voce Ma sono gli uomini che lo fanno con riti pagani, esorcizzano il male, le cose negative e brutte. 

Strenia Beh allora Epifania ha ragione, diamogli una scrollata, un cambiamento, oltre tutto si è quasi perso il senso religioso. Pochi, troppo pochi festeggiano il battesimo di Gesù! 

Befana Per molti è un giorno di festa non di fede. 

Voce Vero, purtroppo è vero. 

Befana Ho un’idea, io riprendo il mio aspetto, il cocchio celeste e volo via per sempre! 

Strenia Vuoi scomparire del tutto? 

Befana Esatto 

Strenia Ma non puoi, sarebbe come cancellare la fantasia, la gioia del dono. 

Befana Allora vacci tu! 

Strenia Non posso. 

Befana Perché? 

Strenia Io potrei portare solo carbone e non regali e il carbone ha perso il suo simbolo! 

Befana Come spiegami 

Strenia Come tu sai, io portavo carbone alle famiglie, ma 2000 anni fa il carbone era ricchezza, benessere; col tempo ha perso il suo valore. 

Befana Ancora non capisco. 

Strenia Oggi a cosa si assocerebbe una calza piena di carbone? Cosa penserebbe un bambino che la ricevesse? 

Befana Di essere cattivo o asino a scuola. 

Strenia E non tutti i bambini sono asini o cattivi. 

Befana In effetti i bambini possono essere monelli, ma mai cattivi! 

Strenia E la maggior parte sono buoni, studiosi e laboriosi. 

Befana Allora? 

Strenia Devi continuare a portar loro i doni, ti aspettano! 

Befana Lui può autorizzarti a portare i doni! 

Voce Non posso! 

Befana Perché? 

Voce Lei è pagana! 

Befana Convertila! 

Voce Non sono un dittatore. 

Befana Ma tu vuoi tutto! 

Voce È vero, ma il libero arbitrio, la libertà! All’uomo ho indicato la via, ma l’ho lasciato libero di decidere. 

Befana Hai visto che risultato? Guerra, odio. 

Strenia È triste! 

Voce Lo so. 

Befana E poi razzismo, intolleranza! 

Strenia Ma perché non ci facevi tutti di un colore e con una sola lingua! 

Befana Bella domanda! 

Voce Mi meraviglio di voi, ripassatevi le letture, rileggetevi la Bibbia. 

Strenia Ormai non la legge più nessuno! 

Befana Pochi. 

Voce Purtroppo! 

Befana Omicidi, rapine, non potresti un po’ redimerle queste tue pecorelle smarrite? 

Voce Potrei…. 

Strenia Allora non ti sembra ora di farlo? 

Voce Un giorno li giudicherò! 

Strenia Sono secoli che sentiamo queste parole. 

Voce Arriverà quel giorno. 

Strenia Ma nel frattempo muoiono degli innocenti! 

Voce Vengono a me! 

Strenia Magari avrebbero preferito venirci più in là! 

Befana I parenti piangono, soffrono il distacco. 

Strenia E loro lasciano a malincuore tante persone care. 

Voce I parenti piangono perché non hanno fede. 

Strenia Ingiusto, loro lasciano troppe cose! 

Voce Non bisogna attaccarsi alle cose terrene, ormai si sa che rimane tutto sulla terra. 

Strenia Cambiamo argomento, io ritorno a casa visto che non c’è bisogno di me. 

Befana Mi lasci sola? 

Strenia Sola! No, c’è quasi sempre in giro Babbo Natale, digli di venire a darti una mano e di aspettare fino a giorno 6. 

Befana Anche lui sta peggio di me con le consegne che ha da fare, che fatica! 

Strenia Almeno lui è più attrezzato. 

Befana Questo è vero, non è costretto a viaggiare con una scomoda scopa. 

Strenia (Alza il capo) Senti…. non potresti procurargli un mezzo di trasporto più comodo? 

Voce Non si può. 

Befana Perché? 

Voce Anche quello è un simbolo, la befana ha lo scopa, il sacco e la calza, se no che Befana sarebbe? 

Strenia Giusto, anche i bambini ne sarebbero delusi. 

Voce E poi ti amano come sei, ti aspettano, non importa loro se sei vecchia o brutta, a loro importa che tu sia buona e generosa. 

Strenia Io vado. Ciao…. Ciao…. (va via).(ballando) 

Voce Allora hai capito che non puoi deludere i loro piccoli cuori. 

Befana Ma io non… 

Voce Cosa vuoi, spegnere la luce di gioia dei loro occhi quando trovano la calza?! 

Befana No ma io…. 

Voce Niente ma, devi continuare la tua missione. 

Befana Sono stanca! 

Voce La befana non può essere stanca. 

Befana In questi giorni magici che precedono il 6, mi è preso il magone, la nostalgia. 

Voce Lo posso capire…. 

Befana Senti, ma non vuoi proprio abbellirmi un po’? 

Voce No, tu sei bella d’animo e la bellezza d’animo ha un pregio. 

Befana Quale? 

Voce Non invecchia e non muta mai, inoltre supera qualsiasi bellezza al mondo. 

Befana Belle parole, ma i bambini, lo pensano anche loro? 

Voce Anche gli adulti? 

Befana Davvero? 

Voce Sono lì, chiedilo. 

Befana (al pubblico) Ditemi è vero che la bellezza d’animo supera qualsiasi bellezza? (in coro si) 

Voce Visto. Ti concedo una cosa puoi partecipare al ballo finale delle sorelle celesti ( se commedia musicale) 

Befana Va bene. 

Voce Ritorna a fare il tuo dovere. 

Befana (al pubblico) Volete ancora la befana? (in coro si) Per quanto? 

Voce Non bisogna fare domande sul futuro. 

Befana È vero (raccoglie sacco e scopa) (al pubblico) Ciao anzi arrivederci a giorno 6, per il prossimo millennio.

(si conclude qui come testo se commedia musicale c’è il gran ballo finale)

FINE

La commedia può diventare commedia musicale inserendo all’inizio e alla fine Il gran ballo delle sorelle celesti. Inoltre tutte le entrate e uscite della dea e della befana possono essere musicate e ballate. Il tipo di musiche sono scelte da chi la mette in scena come commedia musicale (aggiungere le sorelle celesti che ballano)

Ti è piaciuta questa commedia?
Allora dimmelo, semplicemente cliccando qui,
incrementando così il mio numeratore di gradimento.

%counter(befana)